copertina-post-podcastep11 leonard nimoy

Leonard Nimoy: un cattivo acconciato come Rita Pavone

Immaginatevi per un momento questa scena: tu sei un barbiere e c’hai un figlio che fa l’attore in una famosissima saga televisiva e cinematografica. Tuo figlio è diventato famosissimo per due ragioni: una, perché è bravissimo a fare il cattivo, la seconda, perché nella serie c’ha un taglio di capelli oggettivamente di merda.

Ora, a questo punto probabilmente avremmo dovuto scrivere una biografia su Max e non su Leonard Nimoy alias Signor Spock, a cui va riconosciuto il pregio di aver dovuto sopportare fino alla fine dei suoi giorni di vedere suo figlio acconciato come Rita Pavone.

Prima di Star Trek, Leonard era un attore come tanti; piccoli ruoli in altrettanto minuscole produzioni. Inaspettato il successo che lo colse grazie alla serie ideata da Gene Roddenberry, e da quello strano saluto con la mano che c’abbiamo provato tutti a farlo, deludendo noi stessi e i nostri genitori per l’impegno sprecato con il concepimento.

Leonard Nimoy disegnato da Anna Francesca Schiraldi la Malvagia

Una delle cose per cui Spock sarà quindi ricordato è appunto questo saluto, fonte di ispirazione per diverse altre serie, tra cui la stupenda “Mork e Mindy”, in cui Robin Williams col suo “nano nano” altro che non faceva che omaggiare il sig. Spock e il suo “Live Long And Prosper” in Star Trek.

Poeta, musicista e fotografo di Nimoy si ricorda in particolare anche la partecipazione alla serie “Missione Impossibile” dove interpreta un agente segreto con un passato da prestigiatore esperto di make-up. Ora vi starete chiedendo cosa centrino le due esperienze curriculari con le abilità che un agente segreto debba avere. Eppure è palese: il make-up perfetto, ti rende irriconoscibile! Fuggire travestito e truccato da Moira Orfei anche.

Fumatore incallito, uomo normale, dopo il successo di Start Trek, per sbarcare il lunario e comprare le sigarette si è ritrovato a fare diversi lavori distanti anni luce, questi sì, dalla finzione dello schermo; immaginatevi quindi il cattivissimo sig. Spock alla vostra porta, nel tentativo di vendervi aspirapolveri e frigoriferi o pronto ad installarvi un acquario! O ancora, salutarvi da lontano con la mano, mentre lasciate il negozio in cui avete appena comprato le crocchette per il vostro criceto, preso un gelato o lasciato il taxi all’aeroporto.

Che figata! Soprattutto pensando che in Italia tutto questo sarebbe potuto accadere con Fabrizio Bracconeri o Mauro Di Francesco. AIUTO!

Finito il periodo buio, Nimoy tornerà a brillare recitando in film e serie tv di assoluto successo quali “Qualcuno volò sul nido del cuculo”, “My fair lady”, “Big bang theory”, “Il tenente Colombo”, “La soldatessa ci sta col coglionello”, “Space Gel, missione tra i capelli”, “il grande fratello vip 6” (n.d.r. qualche partecipazione attribuitagli potrebbe non essere vera).

Il vizio della sigaretta purtroppo, lo farà ammalare e il 27 febbraio del 2015 all’età di 83 anni, Leonard Simon Nimoy Spock, lascerà per l’ultima volta il suolo terrestre.

Addio e… Nano Nano.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *